FIALS contro CIMO: Non esistono più Professioni ancillari del Medico

E’ sconcertante che nel 2020, l’anno in cui la comunità internazionale celebra le competenze degli infermieri e delle ostetriche (che rappresentano i 2/3 dei professionisti sanitari) una parte della rappresentanza  medica affermi  che nessuna professione può vantare di esprimere  “competenze”  senza il loro bene placido.

Così Giuseppe Carbone, Segretario Generale della FIALS, dopo aver appreso del ricorso al TAR Veneto da parte del sindacato CIMO contro la delibera della Regione Veneto emanata per attuare il disposto contrattuale che prevede che possa essere conferito un incarico professionale di esperto, ad elevata specificità professionale (sempre nell’ambito della disciplina sanitaria di riferimento), ad un dipendente del SSN esercente delle 22  professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

Lo abbiamo detto e continueremo a ribadirlo, ripete Carbone,:  i professionisti sanitari non sono più professionisti “ancillari”  del medico,  poiché, che piaccia o non piaccia alla CIMO, vantano un riconoscimento professionale universalmente accreditato ed è assurdo e inaccettabile che la Dirigenza medica esprima critiche e si dimeni affinché  il contratto di un altro comparto di contrattazione sia applicato con il loro condizionamento.

Abbiamo letto, non senza stupore del ricorso presentato dal Segretario Regionale della CIMO del Veneto, (tra l’altro vice Presidente della Federazione dell’Ordine dei Medici) sulla Delibera della Regione Veneto per il riconoscimento degli incarichi professionali: 24 pagine nere nella storia della Medicina.

Pagine e parole che i medici della CIMO e non solo, dovranno giustificare e saper sostenere agli occhi dei tanti professionisti con cui collaborano quotidianamente.

Considerando la frenesia di dettare e spiegare (a loro libera interpretazione) l’ordinamento sanitario alla Regione Veneto, alle organizzazioni sindacali del comparto e soprattutto ai professionisti sanitari,  a noi della FIALS  piacerebbe conoscere le  leggi  che invocano  i medici, esclusivi e autodeterminati  depositari  dei diritti acquisiti nel  corso degli anni .

A quale legge si fa riferimento per l’attribuzione degli incarichi professionali ai Dirigenti medici di un Pronto Soccorso Generale, che hanno però specializzazione in dermatologia?

Si dovesse seguire il discorso della CIMO, denuncia Carbone, potremmo dire che il 90% dei medici operanti ora nei pronto soccorso non dovrebbero prestare servizio lì o quantomeno non dovrebbero avere un incarico professionale, visto che non hanno competenze avanzate acquisite nella specialità di medicina d’urgenza.

La FIALS non è contro la professione medica  e questo ci teniamo a sottolinearlo, perché crediamo che in sanità il cittadino per ottenere risposta ai propri bisogni di salute abbia bisogno di tutti, ma non permetteremo che rappresentanze sindacali e professionali dei Medici, ci riportino indietro al passato.

Il mondo intero ci esorta a valorizzare la figura dei professionisti sanitari, esperienze e letteratura scientifica (non opinioni di casta) giustificano il riconoscimento delle competenze avanzate a questi professionisti.

Per questi motivi la FIALS si costituirà ad opponendum verso il ricorso intentato dalla CIMO veneta, in difesa del diritto di valorizzazione contrattuale  e della crescita professionale di tutte le 22 professioni sanitarie (infermieri, ostetriche professionisti sanitari tecnici, della riabilitazione e della prevenzione…) che operano per la tutela della salute individuale e collettiva. Diritto loro negato da più di 40 anni di contrattazione e riconosciuto per la prima volta, con questo rinnovo contrattuale.

Cari signori, conclude Carbone, è finito il tempo di professionisti ausiliarie, ancillari al medico!

Altri Articoli Blog

Buone Feste!

La Segreteria Nazionale FIALS comunica che gli uffici saranno chiusi nei giorni 24-25-26-28-31...

Da luglio Stipendi più alti per 16 milioni di Italiani

L’accordo con i sindacati sul taglio del cuneo fiscale con cui alzare i salari netti per...