Falsa timbratura cartellino: legittimo il licenziamento senza preavviso

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 25374 del 25 ottobre 2017 ha ritenuto legittimo il licenziamento senza preavviso di due lavoratrici che in più occasioni hanno timbrato l’una per l’altra il cartellino di presenza per far risultare falsamente che erano in servizio.

Le due donne sostenevano che la Corte d’Appello avesse violato gli articoli 2697 e 2729 del Codice civile in materia di onere della prova e di sentenza basata su fatti ignoti e presunzioni. Secondo le ricorrenti, sarebbe stato il datore di lavoro a dover fornire prova certa delle violazioni poste alla base del licenziamento, non solo in relazione al fatto in sé ma anche al movente di profitto.

L’analisi della Suprema Corte ha non solo determinato quale potesse essere il beneficio delle ex dipendenti (riposi compensativi e retribuzioni straordinarie), ma anche stabilito che nessun altro collega avrebbe potuto avere accesso ai loro cartellini per timbrarli a loro insaputa.
D’altronde, le due ricorrenti non avevano mai segnalato alla direzione le anomalie dei loro cartellini pur trovandosi a beneficiare di benefit ai quali non avrebbero avuto diritto in condizioni normali. Pertanto il licenziamento senza preavviso, previsto anche dalla contrattazione collettiva, è legittimo.


Si allega in pdf copia della sentenza

Sentenza - Civile n.25374 - 25-10-2017

 

 

Altri Articoli Blog

Trattativa ARAN/SINDACATI Tavolo Tematico "Nuova Classificazione del Personale". Le prime riflessioni al tavolo negoziale della FIALS.

Si é aperta formalmente il 31 ottobre la trattativa sulla classificazione del personale e...

FIALS (Carbone), salvi i Servizi Ambulatoriali della Sanità Marittima e Aviazione di Roma "Villa Belardi, di Trapani e Savona"

Una trattativa serrata quella di oggi al Ministero della Salute per discutere del destino...